Il vestito a forbicine

Nelle nostre timide incursioni all’Emporio Istriano di via S. Caterina Larry ed io monitoriamo da mesi i banconi con le stoffe in super offerta: lo schema è che io faccio la difficile (più che altro so quanto ci metto a cucire un vestito e mi rendo conto di non poter accumulare anche stoffe per abiti, oltre a quelle del patchwork), la RossaRiccia è di più ampie vedute (ovvero è talmente lungimirante da acquistare una stoffa gialla e nera con cui cucire una gonnellina da Sailor Moon, che diventerà poi un gonnellone da signora country inglese per finire quindi nella terza rivisitazione trasformata in una gonna a palloncino molto trendy; ma questa è un’altra storia, decisamente degna di Larrycette, anche se la nostra eroina è piuttosto a corto di parole quando si tratta di descrivere le sue esperienze da sartina). In ogni caso, mai siamo state più concordi e decise ad acquistare una bellissima stoffa nera stampata a metri e forbicine, marchiata Moschino Jeans, inspiegabilmente in svendita a 5 euro. Ora, inspiegabilmente non tanto, visto che non saranno poi molte le donne desiderose di vestirsi di forbicine; inoltre, sartine un po’ più furbette di noi avrebbero diffidato da quella stoffa così rigidina e corposa, che già al primo tocco prometteva di bucarti il dito medio già al terzo punto lento. Ma noi siamo intrepide, affascinate dal nostro hobby al punto da vestircisi, e poi la nostra maestra di cucito (che a sua volta non ha resistito alla tentazione di comprare un paio di metri di forbicine) ci ha dato uno scopo: realizzare un vestito a forbicine ed indossarlo alla fiera di Vicenza. Strepitoso! E’ dalla prima volta che son stata a Vicenza che desidero andarci con qualcosa di personalizzato, che ne so, una borsa, una spilla e, perchè no, un vestito!

E così, io ho cucito due mesi, Larry ha cucito due giorni, la Sarta Ninja (è una lunga storia, non chiedete) ha ceduto per impegni familiari l’ultima notte: a Vicenza la RicciaRossa ed io siam state sulla bocca (ridacchiante) di tutti, un successone!

Lo so che a questo punto sarebbe d’obbligo una foto di coppia ma….. prendetevela con i nostri mariti, che ci mandano in giro con dei cellulari ante guerra non dotati di macchina fotografica!

Accontentatevi…..

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

contatti
Se volete contattarmi, potete mandarmi una mail a questo indirizzo
oppure compilare il form qui sotto, grazie!

    Il tuo nome (richiesto)

    La tua email (richiesto)

    Oggetto

    Il tuo messaggio

    Codice di Verifica
    captcha

    Digita il codice di verifica (Richiesto)

    archivio
    Le mie stoffe