La borsa porta lavoro (a maglia)

Era da quando avevo comprato il libro “Flowerpower patchwork” che volevo realizzare la borsa porta lavoro a maglia e porta ferri per Susi, che ormai da qualche anno si diletta, con ottimi risultati, nello sferruzzamento. A fine gennaio, in occasione del suo compleanno, ho preso il coraggio (ed un sacco di stoffa azzurra, declinata in 8 fantasie diverse ma coordinate fra loro) a due mani e mi sono buttata in una rivisitazione abbastanza fedele del progetto proposto dal libro; non che fossi critica su alcuni passaggi, semplicemente in norvegese non li capivo, così ho smesso di provarci e mi sono limitata ad interpretare i disegni. Ecco il risultato!

Su entrambi i lati larghi ci sono otto tasche verticali portaferri…

…mentre sui lati c’è una tascona alta (portarivista?) e quattro taschine verticali più basse (portauncinetti?)…

…ma il vero dettaglio originale della borsa sono gli aghi di legno che fungono da manici: sarebbe stato troppo facile (e probabilmente dispendioso) comprarne un paio in merceria, così il Giraffo si è procurato bastoncini e palline di legno, ha lavorato di trapano e temperino ed ha creato due simmetricissimi (dopo tutto erano per Susi) ferri, di cui mi sono vantata un sacco (e continuo a farlo).

Il regalo è stato consegnato a Roma ed è stato molto apprezzato!

5 risposte a La borsa porta lavoro (a maglia)

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

    contatti
    Se volete contattarmi, potete mandarmi una mail a questo indirizzo
    oppure compilare il form qui sotto, grazie!

      Il tuo nome (richiesto)

      La tua email (richiesto)

      Oggetto

      Il tuo messaggio

      Codice di Verifica
      captcha

      Digita il codice di verifica (Richiesto)

      archivio
      Le mie stoffe